Locazione in condominio: in caso di morosità l’Amministratore a chi si dovrà rivolgere?

 Il Proprietario di un appartamento ubicato in un contesto condominiale può decidere di concedere in locazione (“affittare”) il proprio immobile ad un terzo soggetto, che prende il nome di Conduttore.
Solitamente nel Contratto di locazione vengono indicate le spese condominiali a carico del
Conduttore e quelle invece spettanti al Locatore; in mancanza, si prenderà in considerazione quanto indicato nella normativa (Legge equo canone).
In caso di morosità circa il pagamento delle spese condominiali, l’Amministratore di condominio ha il diritto (e dovere) di rivolgere le proprie pretese creditorie unicamente al Locatore, vale a dire al proprietario dell’immobile.

spese condominiali locazioene

spese condominiali locazione

Il Contratto di locazione ha valore ed efficacia, in questo contesto, solo ed esclusivamente tra il Proprietario ed il Conduttore e non anche nei confronti del Condominio.
Resta salva poi la possibilità del Proprietario di porre in essere, in presenza di idonei requisiti, un’azione di Sfratto per morosità contro il Conduttore.
L’Amministratore di condominio è quindi legittimato a richiedere il pagamento delle spese
condominiali al solo Proprietario dell’immobile presente in condominio. In materia condominiale non trova, infatti, applicazione il principio dell’apparenza del diritto.

Questa voce è stata pubblicata in Il condominio e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *