Delega assemblea condominiale: come delegare e relative conseguenze

Ciascun condomino può delegare, obbligatoriamente per iscritto, un terzo soggetto a partecipare in sue veci all’ assemblea di condominio.
Il condomino delegante, in tal caso, sarà considerato presente a tutti gli effetti.
Salvo espressi divieti contenuti nel Regolamento condominiale chiunque (anche estraneo al Condominio) – ad eccezione dell’Amministratore di condominio – può rappresentare un condomino in assemblea. L’art. 67 delle disp. di att. del Codice civile statuisce che quando i condomini sono più di 20, il delegato non può rappresentare più di un quinto dei condomini e del valore proporzionale.

spese condominiali

delega assemblea

Il soggetto delegato non può a sua volta delegare altri a partecipare all’assemblea di condominio, a meno che non sia espressamente autorizzato da chi ha dato la delega; questo perché il rapporto tra delegante e delegato è fiduciario e personale.
Ci possono essere due tipi di delega: generica o precisa. Nel primo caso il delegante delega
semplicemente il delegato a rappresentarlo in assemblea, nel secondo caso, invece, il delegante indica minuziosamente la propria volonta/votazione per ogni punto dell’Ordine del giorno.[IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE]
E se il delegato non si attiene a quanto comunicatogli dal delegante la votazione è invalida? La risposta è NO.
In tal caso, il condomino delegante potrà lamentarsi per l'operato del delegato, anche citandolo in giudizio per aver votato in modo differente alle sue istruzioni, ma il rapporto si estingue tra i due soggetti e non coinvolge la validità delle decisioni prese in assemblea.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *